PER NON DIMENTICARE

7 Aprile 2019, dopo dieci anni, ho organizzato come Anpi di Chivasso un ritorno ad Auschwitz portando con me 25 persone desiderose di andare sui loghi della memoria, dove fu commesso il più atroce e disumano sterminio di persone innocenti.
Ritornare ad Auschwitz è stato come esserci per la prima volta. Il silenzio e il vuoto di Birkenau, rimasti dopo quella immane tragedia, colmato da una giornata insieme a tante altre persone lì come noi per essere testimoni.
Siamo andati, insieme alla guida polacca sig.ra Justyna, abbiamo oltrepassto il tristemente famoso cancello d’ingresso con la scritta “Arbeit macht frei” abbiamo visitato Auschwitz e Birkenau. Auschwitz è conosciuto nel mondo come luogo simbolo dove si è perpetuato lo sterminio degli ebrei ad opera dello Terzo Reich. link

CON L'ANPI DI CHIVASSO A BRUXELLES
Una delegazione dell'Anpi di Chivasso ha partecipato martedì 19 febbraio alla visita della sede del Parlamento europeo, siamo stati accolti dal parlamentare Daniele Viotti del Gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo, membro della Commissione per i bilanci e della Delegazione per le relazioni con la Bosnia-Erzegovina e il Kosovo, e il giornalista Filippo Giuffrida Répaci presidente dell'Anpi di Bruxelles, e rappresentante dell'antifascismo presso lo stesso Parlamento e della comunità italiana in Belgio."
Abbiamo ammirato da vicino i luoghi della vita democratica dell'istituzione che raccoglie 28 stati sovranazionale, assistito ad una seduta plenaria del Palamento e partecipato alla presentazione del progetto “Checkpoint: storie di frontiere tra Sahel ed Europa” - “Frame, Voice, Report” cofinanziato dall’Unione europea, Consorzio ong Piemonte, promosso da Rainbow for Africa e cooperativa Orso, in collaborazione con Engim Internazionale, Radio Beckwith evangelica, Border radio. (Europa Si Europa No) Read

L'estrema destra cresce con l'indifferenza

Provo a buttar giù maldestramente qualche appunto nel tentativo di esprimere il mio punto di vista e in primo luogo come cittadino per esternare alcune considerazioni su Casa Pound, continua leggere

EXODOS
Rotte migratorie, storie
di persone, arrivi, inclusione

Palazzo Einaudi di Chivasso
Area espositiva “D. Cosola” 11 / 28 gennaio 2018

un pungolo alle
nostre coscienze

E' stata apprezzata la scelta politica della Regione Piemonte che, con la mostra itinerante Exodos, Rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione, ha dato un chiaro segnale da quale parte stare.
Con questa mostra è stato centrato l’obiettivo di fornire un punto di vista sulla crisi dei migranti, valorizzando quanto è stato costruito in questi anni nei territori del Piemonte, Chivasso compreso, sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione.
La mostra itinerante, ha fatto tappa anche a Chivasso, organizzata dalla sezione Anpi "B. Bradac" con il contributo della Regione piemonte e del Comune, riscuotendo un buon successo di pubblico ed ha rappresentato un'occasione importante di dibattito e di presa di coscienza della realtà. Le immagini supportate anche dai video-documentari hanno messo in evidenza i limiti delle politiche sulle migrazioni da parte dell’Europa e del nostro Paese

no more walls
(non più muri)

Mostra a cura della sezione ANPI di Chivasso. Le foto sono di Ruggero Da Ros docente di un Liceo del Friuli, il quale, durante un viaggio in Israele, si è scontrato con la drammatica realtà del muro di separazione con la Palestina.
Un muro diverso dagli altri muri, questo rinchiude milioni di persone in un'immensa prigione a cielo aperto, alto fino a 9 metri e lungo 750 km, non corre lungo la linea di confine, ma penetra profondamente in Cisgiordania frantumandola in isole di terra chiuse tra loro. La mostra composta da 21 pannelli 70x100, è a disposizione per chi ne fa richiesta.

presentazione 1
presentazione 2
pannelli e foto
eventi

 

Copyright © 2012 - Technical Contact: Resò srl - Construction and maintenance website: Vinicio Milani